Le brioche più buone le fa Certo.
Da Galla si studia meglio che a casa.
Il risotto dell’Osteria Conchetta è da urlo.
Il nuovo singolo di Tiziano Ferro e Carmen Consoli è proprio ganzo.

Cosa succede, però, quando rompiamo la routine?
Quando per una volta non camminiamo sulla strada che già conosciamo?

Scopriamo la biblioteca Sormani.
L’album dei Thegiornalisti.
Il risotto di Gianni e Giovanni.
La colazione da Tiffany.

Troppo spesso pensiamo che i creativi siano persone dotate di caratteristiche che noi non abbiamo. Che “beati loro”, che possono permetterselo.
Come si fa a essere creativi quando ci sono le bollette da pagare, quando si passa in ufficio dodici ore, quando tuo marito non ti cerca più?

È la storia che raccontiamo a noi stessi, a influenzare le nostre azioni e i nostri risultati.

A renderci più o meno creativi. Ad avvicinarci a un obiettivo o ad allontanarci. Dall’obiettivo e da noi stessi.

Lunedì è un’occasione straordinaria per prendere il cappuccio da un bar diverso. Per entrare in metrò dalla scala opposta. Per camminare dieci minuti invece di fare due fermate di tram.

Per riconoscere che le nostre abitudini sicure sono pronte ad accoglierci, se decidiamo di tornarci. E sono pronte a lasciarci liberi, senza rancore, se solo lo desideriamo.

#millegioie